Allenamento di Socrate alla sopportazione - Aulo Gellio

 

Tra le fatiche volontarie e gli esercizi per allenare il corpo a resistere agli eventi accidentali1, abbiamo saputo che Socrate aveva preso l'abitudine di fare anche questo: si dice che Socrate fosse solito stare in piedi in un identico2 atteggiamento, per tutto il giorno e tutta la notte, dal primo sorgere del sole (fino) all'alba del giorno successivo3, senza chiudere occhio, immobile, senza spostarsi dalla sua posizione4 e con il volto e gli occhi rivolti verso il medesimo punto, assorto in meditazione, come se avesse in qualche modo la mente e l'animo separati dal corpo5. E' stato tramandato che egli fu anche di una coś grande temperanza, che visse quasi tutte le età della sua vita in buona salute. Anche durante la strage di quella pestilenza che all'inizio della guerra del Peloponneso [= 429 a.C.] devasṭ la popolazione ateniese6 con un tipo di malattia inguaribile, si dice che egli, con i mezzi della sobrietà e della moderazione, si sia guardato dal contagio dei rapporti sessuali7 ed abbia conservato la salute del corpo (tanto) che non fu assolutamente soggetto alla calamità comune a tutti8

 

Torna alla versione in latino

 



Nota 1
gli esercizi del rafforzare il corpo verso le vicende casuali della sopportazione;

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota 2
costante;

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota 3
all'altro sole che sorge

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota
4
nel medesim
o posto; 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota
5
come (se fosse stata) fatta una certa separazione della mente e dell'animo dal corpo

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota
6
degli Ateniesi; 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota
7
dalla rovina dei piaceri; 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota
8
di tutti
.

Torna su