N.B.: Questo brano Ŕ stato proposto come esercizio per il ripasso della sintassi dei casi (Nominativo). 

Si tratta di un passo di agevole comprensione, ma non facile da rendere dal punto di vista lessicale. Attenzione specialmente al primo periodo!

 

 

Allenamento di Socrate alla sopportazione - Aulo Gellio

Vai alla versione in italiano

 

Socrate si concentrava nella meditazione a tal punto da rimanere immobile per ore, come se il suo corpo fosse separato dalla mente. Anche la sua temperanza fu tale da preservarlo dalle peggiori epidemie.  

 

 

Inter labores voluntarios et exercitia corporis ad fortuitas patientiae vices firmandi id quoque accepimus Socraten facere insuevisse: stare solitus Socrates dicitur pertinaci statu perdius atque pernox a summo lucis ortu ad solem alterum orientem inconivens, immobilis, iisdem in vestigiis et ore atque oculis eundem in locum directis cogitabundus tamquam quodam secessu mentis atque animi facto a corpore. Temperantia quoque fuisse eum tanta traditum est, ut omnia fere vitae suae tempora valitudine inoffensa vixerit. In illius etiam pestilentiae vastitate, quae in belli Peloponnensiaci principiis Atheniensium civitatem internecivo genere morbi depopulata est, is parcendi moderandique rationibus dicitur et a voluptatum labe cavisse et salubritates corporis retinuisse, ut nequaquam fuerit communi omnium cladi obnoxius.

 

Aulo Gellio, Noctes Atticae 2. 1. 1-5 passim

 

    
Clicca qui per tornare alle altre versioni tradotte e commentate