Medea si vendica di Giąsone - Pseudo-Apollodoro

 

Giąsone e Medea giunsero1 a Corinto e (vi) trascorsero1 dieci anni felicemente, ma un giorno2, poiché Creonte, il re di Corinto, offriva in moglie a Giąsone la figlia Glauce, Giąsone, ripudiata Medea, sposņ1 (la principessa). Allora ella (= Medea), chiamati a testimoni gli dči su cui Giąsone aveva giurato e biasimata pił volte l'ingratitudine di Giąsone, mandņ (in dono) alla sposa un peplo intriso di veleni, indossato il quale (ella) fu divorata da un fuoco violento insieme con il padre che cercava di soccorrerla, poi uccise i figli che aveva (avuto) da Giąsone, Mčrmero e Ferčte, e, ottenuto dal Sole un carro trainato da3 draghi alati, fuggendo su questo giunse ad Atene.

Soluzione dell'esercizio:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota 1
letteralmente č imperfetto;

Torna su



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 2
di nuovo; 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 3
un carro di.

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(1) sta per quibus.