Virgilio - Bucolica IV

 

 

Ingres, Virgilio legge l'Eneide (particolare)

L'immagine tratta dal sito www.artcyclopedia.com

Metrica:

Esametro dattilico catalettico:

Clicca qui per ulteriori informazioni sull'esametro e sulle sue cesure.

 

Scansione:

Scelids Musa, | paul maira canmus!

Nn omns | arbsta iuvnt | humilsque myrcae;

s canims silvs, | silva sint cnsule dgnae.

ltima Cmae | vent iam crminis atas;

mgnus ab ntegr | saeclrum nscitur rdo.

Im redit t Virg, | redent Satrnia rgna,

im nova prgenis | cael demttitur lto.

T modo nscent | puer, quo frrea prmum

dsinet c tot | surgt gens urea mndo,

csta fav Lucna: | tus iam rgnat Apllo.

Tque ade | decus hc aev, | te cnsule, inbit,

Pllio, et ncipint | magn procdere mnses;

t duce, s qua mannt | scelers vestgia nstri,

nrita prpetu | solvnt formdine trras.

lle dem | vitam ccipit | divsque vidbit

prmixts heras | et pse vidbitur llis,

pcatmque regt | patris virttibus rbem.

t tibi prma, pur, | null munscula cltu

rrants heders | passm cum bccare tllus

mxtaque rdent | colocsia fndet acntho.

psae lcte domm | refernt distnta capllae

bera, nc magns | metunt armnta lenes;

psa tib blands | fundnt cunbula flres.

ccidet t serpns, | et fllax hrba venni

ccidet; ssyrim | vulg nasctur ammum.

t simul hrom | lauds et fcta parntis

im legere t quae st | poters cognscere vrtus,

mlli pulatm | flavscet cmpus arsta

ncultsque rubns | pendbit sntibus va

t dura quercs | sudbunt rscida mlla.

Puca tamn subernt | prisca vestgia frudis,

qua temptre Thetm | ratibs, quae cngere mris

ppida, qua iubent | tellri infndere slcos.

lter ert tum Tphys | et ltera qua vehat rgo

dlects heras; | ernt etiam ltera blla

tque iterum d Troim | magns mitttur Achlles.

Hnc, ubi im | firmta virm | te fcerit atas,

cdet et pse mar | vectr, nec nutica pnus

mtabt mercs; | omns feret mnia tllus.

Nn rastrs | patitur hums, | non vnea falcem;

rbusts quoque im | taurs iuga slvet artor.

Nc varis disct | mentri lna colres,

pse sed n prats | aris iam suve rubnti

mrice, im croce | mutbit vllera lto;

spnte su sandx | pascntis vstiet gnos.

"Tlia sacla" sus | dixrunt "crrite" fsis

cncords stabil | fatrum nmine Prcae.

dgredere magns | (adert iam tmpus) honres,

cra dem subols, | magnm Iovis ncremntum!

spice cnvex | nutntem pndere mndum,

trrasqu | tractsque mars | caelmque profndum;

spice, vntur | laetntur ut mnia saclo!

mihi tm longa | manet pars ltima vtae,

spritus t quantm | sat ert tua dcere fcta!

Nn me crminibs | vinct nec Thrcius rpheus

nc Linus, hic matr | quamvs atque hic pater dsit,

rphei Clliopa, | Lin formsus Apllo.

Pn etiam, rcadi | mecm si idice crtet,

Pn etiam rcadi | dict se idice vctum.

ncipe, prve pur, | ris cognscere mtrem:

mtri lnga decm | tulernt1 fastdia mnses.

ncipe, prve pur: | cui nn risre parnti,

nc deus hnc mens, | dea nc dignta cubli est.

 

(1) La e di tulerunt irregolarmente breve.

 

Traduzione: 

v. 1    Muse siciliane, cantiamo argomenti un po pi elevati:  

         non a tutti piacciono gli arbusti e le umili tamerici;

se cantiamo le selve, le selve siano degne di un console.

giunta ormai lultima et del carme cumano,

v. 5    nasce da capo un grande ciclo di secoli;

gi torna la Vergine (e) ritornano i regni di Saturno,

gi una nuova progenie viene mandata dallalto del cielo.

Tu, o casta Lucina, sii favorevole al bambino che ora nasce

con cui per la prima volta cesser la generazione del ferro

v. 10  e in tutto il mondo nascer quella (lett.: la generazione) delloro: gi regna il tuo Apollo.

Proprio sotto il tuo consolato incomincer questa et gloriosa (lett.: questa gloria di et),

o Pollione, e incominceranno a trascorrere i grandi mesi;

sotto la tua guida, se rimangono alcune tracce della nostra scelleratezza,

rese vane, libereranno le terre dalla continua paura.

v. 15  Egli ricever la vita degli dei e vedr gli eroi mescolati agli dei,

ed egli stesso sar visto con loro

e regger il mondo pacato dalle virt paterne (oppure: regger con le virt paterne).

Intanto la terra, senza esere coltivata, effonder per te, o fanciullo,

(quali) primi piccoli doni (oppure: i primi piccolo doni),

edere erranti qua e l col baccare 

v. 20  e la colocasia mista al ridente acanto.

Le caprette da sole riporteranno a casa le mammelle gonfie di latte

e gli armenti non temeranno i grandi leoni.

La culla stessa effonder per te deliziosi fiori.

Morir anche il serpente e la ingannevole erba del veleno

v. 25  morir; dovunque nascer lamomo assiro.

Ma non appena potrai leggere le lodi degli eroi e le imprese del padre

e potrai conoscere che cosa (lett.: quale) sia la virt,

a poco a poco la pianura biondegger di flessuose spighe,

dai rovi selvatici pender la rosseggiante uva

v. 30  e le dure querce trasuderanno rugiadosi mieli.

Rimarranno tuttavia poche tracce dellantica colpa

che spingeranno (lett.: spingano) a tentare Teti con le navi, a cingere di mura

le citt, a tracciare solchi nella terra.

Ci sar allora un secondo Tifi e una seconda Argo per portare (lett.: che porti)

v. 35  eroi scelti; ci saranno anche altre guerre

e di nuovo il grande Achille sar mandato a Troia.

Quindi, quando let ormai matura ti avr reso uomo,

si ritirer anche il navigante spontaneamente n le navi

scambieranno (lett.: il pino nautico scambier) le merci, ogni terra produrr tutto.

v. 40  La terra non patir i rastrelli, la vigna non (patir) la falce,

anche il robusto aratore toglier ormai il giogo ai tori;

e la lana non imparer a fingere i vari colori,

ma da solo sui prati lariete cambier il (colore del) vello

ora con la porpora che rosseggia soave ora con il giallo zafferano;

v. 45   spontaneamente il sandice rivestir gli agnelli che pascolano.

Filate in fretta tali secoli! dissero ai loro fusi

le Parche concordi nello stabile volere dei fati.

Assurgi ai grandi onori (sar tempo ormai)

o cara prole degli dei, grande progenie di Giove,.

v. 50  Guarda il mondo che annuisce nella (lett.: che si inclina con la) sua mole convessa

E le terre e le distese del mare e il cielo profondo;

guarda come tutte le cose si allietino per il secolo che sta per venire.

Oh, possa rimanermi lultima parte di una lunga vita

E tanta ispirazione quanta mi sar sufficiente a cantare le tue imprese!

v. 55  Non mi vinceranno nel canto  (lett.: nei canti)  n il tracio Orfeo,

n Lino; sebbene alluno sia di aiuto la madre, allaltro il padre,

ad Orfeo Calliope, a Lino il bellApollo.

Anche Pan, se gareggiasse con me, giudice lArcadia,

anche Pan, giudice lArcadia, si dichiarerebbe vinto.

v. 60   Incomincia, piccolo bambino, a riconoscere la madre dal sorriso [oppure: col sorriso]:

alla madre nove (lett.: dieci) mesi arrecarono lunghe sofferenze.

Incomincia, piccolo mambino: (colui) al quale non sorrisero i genitori

n un dio lo degna della (sua) mensa, n una dea del (suo) letto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa sezione sei il visitatore numero