Torna alla home

 

Virgilio - Bucolica I

Ritratto di Virgilio

L'immagine tratta dal sito Bibliotheca Augustana

 

Metrica:

Esametro dattilico catalettico:

 

Esempio:

Ttyre, t patula recubns sub tgmine fgi

slvestrm tenu Musm meditris avna.

 

Schema delle cesure e delle diresi:

 

a = semiternaria (o tritemmera)

b = semiquinaria (o pentemmera)

c = trocaica o del terzo trocheo (kat trton trochion)

d = semisettenaria (o eftemmera)

e = diresi bucolica (o femminile).

 

Esempio:

Ttyre, t patula || recubns sub tgmine fgi

cesura semiquinaria

slvestrm || tenu Musm || meditris avna.

cesure semiternaria + semisettenaria

 

N.B.: 

Le vocali finali di ogni parola e le finali -am, -em, -um si elidono davanti a vocale;

        es.: non equidem invideo (che si legge: nn equidnvide);

se invece la parola che segue es o est, la vocale iniziale del verbo esse ad elidersi;

        es.: tactus aratro est (che si legge: tctus artrost).

 

Scansione:

 

M.: Ttyre, t patula | recubns sub tgmine fgi

slvestrm | tenu Musm | meditris avna;

ns patria fins | et dlcia lnquimus rva.

Ns patrim fugims; | tu, Ttyre, lntus in mbra

frmosm | resonre docs | Amarllida slvas.

T.:  Meliboe, des | nobs haec tia fcit.

nmque erit lle mih | sempr deus, | llus ram

sape tenr nostrs | ab ovlibus mbuet gnus.

lle mes | errre bovs, | ut crnis, et psum

ldere qua vellm | calam permsit agrsti.

M.: Nn equidem nvide, | mirr magis: | ndique ttis

sque ade | turbtur agrs. | En pse capllas

prtinus ager ago; hnc | etim vix, Ttyre, dco.

Hc intr denss | coryls modo nmque gemllos,

spm gregis, ! | silice n nud | conxa relquit.

Sape malum hc nobs, | si mns non lava fusset,

d cael tacts | memin praedcere qurcus.

Sd tamen ste des | qui st, da, Ttyre, nbis.

T.:  rbem qum dicnt | Romm, Meliboe, putvi

stltus ego hic nostra | similm, quo sape solmus

pstors ovim | teners depllere ftus.

Sc canibs catuls | simils, sic mtribus hados

nram, sc parvs | compnere mgna solbam.

Vrum haec tntum alis | intr caput xtulit rbes

quntum lnta solnt | intr vibrna cuprssi.

M.: t quae tnta fut | Romm tibi cusa vidndi?

T.:  Lberts, | quae sra tamn | respxit inrtem,

cndidir postqum | tondnti brba cadbat,

rspext | tamen t long | post tmpore vnit,

pstquam ns | Amarllis habt, | Galata relquit.

nmque fatbor enm | dum m Galata tenbat,

nc spes lberttis ert | nec cra pecli.

qumvis mlta mes | exret vctima saptis,

pnguis et ngrata | premertur cseus rbi,

nn umqum | gravis are domm | mihi dxtra redbat.

M.: Mrabr | quid masta des, | Amarlli, vocres,

ci pendre su | paterris in rbore pma;

Ttyrus hnc abert. | Ipsa te, Ttyre, pnus,

psi t fonts, | ipsa hac arbsta vocbant.

T.:  Qud facerm? | Neque srviti | me exre licbat

nc tam prasents | alib cognscere dvos.

hc illm | vid iuvenm, | Meliboe, quotnnis

bs sens | cui nstra dis | altria fmant.

Hc mihi rsponsm | prims dedit lle petnti:

'Pscite ut nte bovs, | puer; summttite turos.'

M.: Frtunte senx, | erg tua rra manbunt

t tibi mgna sats, | quamvs lapis mnia ndus

lmosque pals | obdcat pscua inco:

nn insuta gravs | temptbunt pbula ftas,

nc mala vcin | pecors contgia ladent.

Frtunte senx, | hic nter flmina nta

t fonts sacrs | frigs captbis opcum;

hnc tibi, qua sempr, | vicno ab lmite sapes

Hblaes apibs | florm depsta salcti

sape lev somnm | suadbit inre susrro;

hnc alt | sub rpe cant | frondtor ad uras,

nc tamen ntere | rauca, tua cra, palmbes

nc gemere eri | cessbit trtur ab lmo.

T.:  nte levs erg | pascntur in athere crvi

t freta dstitunt | nuds in ltore pscis,

nte perrrats | ambrum fnibus xsul

ut Ararm Parths | bibet ut Germnia Tgrim,

qum nostro llis | labtur pctore vltus.

M.: t nos hnc ali | sitintis bimus fros,

prs Scythiam t rapidm | creta venimus Oxen

t penits tot | divsos rbe Britnnos.

n umqum patris | long post tmpore fnis

puperis t tugur | congstum caspite clmen,

pst aliqut, | mea rgna, vidns | mirbor arstas?

mpius hac | tam clta novlia | mles habbit,

brbarus hs segets. | En qu discrdia cvis

prduxt misers: | his ns consvimus gros!

nsere nnc, | Meliboe, pirs, | pone rdine vtis.

te mea, felx | quondm pecus, | te capllae.

Nn ego vs posthc | virid proictus in ntro

dmos | pendre procl | de rpe vidbo;

crmina nlla canm; | non m pascnte, capllae,

flrentm cytisum t | salics carptis amras.

T.:  Hc tamen hnc mecm | poters requiscere nctem

frnde supr virid: | sunt nbis mtia pma,

cstanea molls | et prssi cpia lctis,

t iam smma procl | villrum clmina fmant

miorsque cadnt | alts de mntibus mbrae.

 

Traduzione:

Melibeo: O Titiro, tu, disteso sotto la volta di un ampio faggio, moduli una silvestre melodia su sottile zampogna; noi lasciamo le terre dei padri e i dolci campi; noi abbandoniamo la patria; tu, Titiro, adagiato nellombra, insegni alle selve a ripetere il nome dAmarillide bella.

Titiro: O Melibeo, un Dio mi ha donato questa pace (lett.: ha fatto per me questozio): e per me almeno, egli sar sempre un Dio; spesso un tenero agnello (uscito) dai miei ovili (lett.: dai nostri ovili) intrider (del suo sangue) laltare di lui; egli permise che le mie giovenche continuassero a pascolare, come vedi, e che anchio potessi cantare quel che volevo su agreste zampogna.

Melibeo: Non (ti) invidio di certo, piuttosto sono stupito: a tal punto vi ovunque scompiglio per tutti i campi. Ecco, anchio, afflitto, spingo innanzi le caprette; e anche questa, o Titiro, (la) trascino a stento; infatti, poco fa, fra i folti noccioli, ha partorito ed ha abbandonato (lett.: ha lasciato dopo essersi sgravata), ahi! sulla nuda pietra due capretti, speranza del gregge. Spesso questa sventura, mi ricordo che le querce colpite dal fulmine ce la predissero, se solo la mente non fosse stata sciocca. Ma, tuttavia, o Titiro, dicci  quale sia questo Dio.

Titiro: La citt che chiamano Roma, o Melibeo, io stolto credetti che fosse simile a questa nostra, dove spesso noi pastori siamo soliti portare i teneri agnelli (lett.: i teneri parti delle pecore). Cos io sapevo che i cuccioli sono simili ai cani, cos i capretti alle madri, cos ero solito paragonare le cose grandi alle piccole. Questa citt, invece, di tanto ha innalzato il capo tra le altre, di quanto sono soliti (innalzarsi) i cipressi fra i flessuosi viburni.

Melibeo: E quale ragione cos grave avesti per (lett.: di) vedere Roma? [oppure: E quale fu per te il motivo cos importante di vedere Roma?].

Titiro: La libert che, pur tardiva, tuttavia mi guard, mentre non me ne curavo (lett.: guard me inerte), dopo che nel raderla (lett.: a me che la radevo), la barba mi cadeva pi bianca; mi guard tuttavia e dopo lungo tempo venne, da quando mi tiene Amarillide (e) Galatea mi ha lasciato. Infatti, devo pur confessarlo (lett.: lo confesser), finch mi teneva Galatea, non cera n speranza di libert, n cura del risparmio. Sebbene molte bestie da macello uscissero dai miei recinti, e grasso formaggio fosse pressato per lingrata citt, mai la mia destra ritornava a casa colma di denaro.

Melibeo: Mi chiedevo perch mesta invocassi gli Dei, o Amarillide, per chi tu lasciassi pendere sugli alberi i frutti; Titiro era lontano da qui; perfino i pini, Titiro, perfino le sorgenti, perfino questi arbusti ti chiamavano.

Titiro: Che avrei dovuto fare? Altrove non mi era possibile liberarmi della schiavit, n conoscere di cos propizi. L ho visto quel giovane, o Melibeo, per il quale i miei altari fumano dodici giorni ogni anno. L egli, per primo, diede (questa) risposta a me che (la) chiedevo: Pascolate come prima i buoi, ragazzi, aggiogate i tori.

Melibeo: O fortunato vecchio, allora i campi resteranno tuoi. E per te grandi abbastanza, anche se la nuda pietra e la palude con il limaccioso giunco invadano tutti i pascoli; non insidieranno le pecore pregne inconsueti pascoli, n faranno loro del male i pericolosi contagi del vicino bestiame; fortunato vecchio, qui fra noti torrenti e sacre fonti godrai lombrosa frescura; da una parte la siepe di sempre dal vicino confine, succhiata dalle api Iblee nel fiore del salice spesso tinviter ad entrare nel sonno con il lieve sussurro: dallaltra il potatore canter ai venti sotto unalta rupe, n tuttavia nel frattempo le rauche colombe, tua cura, n la tortora, cesseranno di gemere dalla cima dellolmo.

Titiro: Dunque i cervi pascoleranno leggeri nellaria e i flutti abbandoneranno i pesci nudi sulla spiaggia, il Parto esule berr lArar e la Germania il Tigri, dopo aver percorso i territori di entrambi, prima che il volto di lui si dilegui dal mio (lett.: nostro) cuore.

Melibeo: Noi, invece, da qui andremo alcuni dagli assetati Africani, parte (andremo) in Scizia e allOasse vorticoso di Creta e dai Britanni completamente separati da tutto il mondo. Oh, ammirer mai rivedendoli [umquam videns mirabor], dopo lungo tempo [longo post tempore], i confini della patria (oppure: i patri territori) e il tetto della mia povera capanna fatto di zolle, mio regno, dopo qualche anno [post aliquot aristas = dopo qualche raccolto]? Un empio soldato avr questi maggesi cos ben coltivati, un barbaro, queste messi. Ecco dove la discordia ha condotto i miseri cittadini: per questi noi abbiamo seminato i campi! Innesta ora, o Melibeo, i peri, disponi in filari le viti. Andate mie caprette, andate, gregge un tempo felice. Io non vi vedr, dora in poi, pendere di lontano da una rupe piena di cespugli, sdraiato in un verde antro; non canter nessun carme; o caprette, non brucherete sotto la mia guida di pastore (lett.: portandovi io al pascolo) il citiso in fiore e i salici amari.

Titiro: Tuttavia avresti potuto riposarti qui con me questa notte sopra un verde giaciglio di fronde (lett.: verde fogliame); abbiamo frutti maturi, tenere castagne e abbondanza di latte rappreso e gi i comignoli delle case fumano di lontano e le ombre scendono pi lunghe gi dagli alti monti [oppure: dalle cime dei monti].

 

       N.B. : dei versi 67-69 sono state proposte altre interpretazioni:

      En umquam patrios longo post tempore finis

      pauperis et tuguri congestum caespite culmen,

      post aliquot mea regna videns mirabor aristas?

 

  1. Oh, ammirer mai rivedendoli [umquam videns mirabor], dopo lungo tempo [longo post tempore], i confini della patria (oppure: i patri territori)  e il tetto della mia povera capanna fatto di zolle, mio regno, (spiandoli di nascosto) dietro qualche spiga [post aliquot aristas]?

  2. Oh, ammirer mai [umquam mirabor], dopo lungo tempo [longo post tempore], i confini della patria (oppure: i patri territori) e il tetto della mia povera capanna fatto di zolle, (ammirer mai) delle spighe [aristas], vedendo dopo qualche tempo [post aliquot videns] il mio regno?

  3. Oh, ammirer mai in futuro [umquam mirabor post] un pugno di spighe [aliquot aristas], vedendo dopo lungo tempo [longo post tempore videns] i confini della patria (oppure: i patri territori) e (vedendo) il tetto della mia povera capanna fatto di zolle, (vedendo) il mio regno?

  4. Oh, ammirer mai in futuro [umquam mirabor post] un pugno di spighe [aliquot aristas],  vedendo dopo lungo tempo [longo post tempore videns] i confini della patria (oppure: i patri territori) e il tetto della mia povera capanna fatto di zolle, mio regno?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa sezione sei il visitatore numero