Plinio il Giovane

L'eruzione del Vesuvio - parte seconda

Torna su Traduzione

Dopo avere raccontato la fine di suo zio Plinio il Vecchio nella lettera 6. 16 del suo epistolario, Plinio il Giovane, sollecitato dall'amico Tacito, prosegue il racconto e narra con abbondanza di particolari la terribile eruzione del Vesuvio del 79 d.C., cosė come fu vissuta direttamente da lui e dai suoi familiari. Te la proponiamo a puntate.

Iam hora diei prima, et adhuc dubius et quasi languidus dies. Iam quassatis circumiacentibus tectis, quamquam in aperto loco, angusto tamen, magnus et certus ruinae metus. Tum demum excedere oppido visum; sequitur vulgus attonitum, quodque in pavore simile prudentiae, alienum consilium suo praefert, ingentique agmine abeuntes premit et impellit. Egressi tecta consistimus. Multa ibi miranda, multas formidines patimur. Nam vehicula quae produci iusseramus, quamquam in planissimo campo, in contrarias partes agebantur, ac ne lapidibus quidem fulta in eodem vestigio quiescebant. Praeterea mare in se resorberi et tremore terrae quasi repelli videbamus. Certe processerat litus, multaque animalia maris siccis harenis detinebat. Ab altero latere nubes atra et horrenda, ignei spiritus tortis vibratisque discursibus rupta, in longas flammarum figuras dehiscebat; fulguribus illae et similes et maiores erant.

Plinio il Giovane, Epistulae 6. 20. 6-9

Esercizio

integra le copule e i predicati verbali sottintesi; 

specifica se la costruzione di videor č personale o impersonale.

 

sei il visitatore numero 

 

 

 

 

 

Nota 1

Citazione da Virgilio, Eneide II 12-13.