Lucio ridiventa uomo - Apuleio

Vai alla versione in italiano

Lucio, trasformato in asino da un filtro magico, deve mangiare delle rose per poter ritornare uomo; solo alla fine del romanzo, per˛, questo gli sarÓ possibile, grazie al sacerdote di Iside, che gli farÓ mangiare le rose della sacra corona. Ascoltiamo dalla sua voce il racconto della metamorfosi finale.

Tunc ego trepidans, adsiduo pulsu micanti corde, coronam, quae rosis amoenis intexta fulgurabat, avido ore susceptam cupidus promissi devoravi. Nec me fefellit caeleste promissum: protinus mihi delabitur deformis et ferina facies. Ac primo quidem squalens pilus defluit, ac dehinc cutis crassa tenuatur, venter obesus residet, pedum plantae per ungulas in digitos exeunt, manus non iam pedes sunt, sed in erecta porriguntur officia, cervix procera cohibetur, os et caput rutundatur, aures enormes repetunt pristinam parvitatem, dentes saxei redeunt ad humanam minutiem, et, quae me potissimum cruciabat ante, cauda nusquam! Populi mirantur, religiosi venerantur tam evidentem maximi numinis potentiam et consimilem nocturnis imaginibus1 magnificentiam et facilitatem reformationis, claraque et consona voce, caelo manus adtendentes, testantur tam inlustre deae beneficium.

Apuleio, Met. 11. 13

Riconosci: i verbi relativamente impersonali; il complemento predicativo del soggetto.

 

 

 

(1) Per la traduzione tieni presente che il sacerdote di Iside era stato preavvertito in sogno del prodigio che stava per compiersi.

Torna su. 

 

 

 

 

sei il visitatore numero