Una patrizia punita per la sua arroganza - Aulo Gellio

Vai alla versione in italiano

In origine il popolo romano era estremamente severo anche nei confronti dei cittadini pi¨ ricchi ed influenti: ne Ŕ un esempio questo castigo inflitto ad una patrizia sciocca ed arrogante, indegna figlia del grande Appio Claudio Cieco.

Appi illius Caeci filia a ludis, quos spectaverat, exiens turba undique confluentis fluctuantisque populi iactata est. Atque inde egressa, cum se male habitam diceret, "Quid me nunc factum esset" inquit "quantoque artius pressiusque conflictata essem, si P. Claudius, frater meus, navali proelio classem navium cum ingenti civium numero non perdidisset? Certe quidem maiore nunc copia populi oppressa intercidissem. Sed utinam" inquit "reviviscat frater aliamque classem in Siciliam ducat atque istam multitudinem perditum eat, quae me nunc male miseram convexavit!". Ob haec mulieris verba tam inproba ac tam incivilia C. Fundanius et Tiberius Sempronius, aediles plebei, multam dixerunt ei aeris gravis viginti quinque milia.

Aulo Gellio, Noctes Atticae 10. 6. 2-3

Riconosci: il tipo del periodo ipotetico; il valore di intercidissem; il congiuntivo ottativo (esprime desiderio realizzabile o irrealizzabile? Nel presente o nel passato?).

Cerchi altri brani di Aulo Gellio? Clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

sei il visitatore numero