Torna alla Home

 

Sezione FOTOGRAFIA

 

Apriamo la nostra sezione con una fotografia che ci ha inviato un nostro visitatore di Torino

Le strane figure disegnate dal FARO' nella notte magica di San Giovanni rievocano antichi riti

Nella notte del 23 giugno si continua a celebrare a Torino un rito antico che ha le sue origini nel Medioevo. Era detta anche "notte delle streghe" (le "masche" piemontesi) per l'usanza di raccogliere proprio in questa notte erbe e foglie da usare per filtri e pozioni magiche. In tempi ben più antichi coincideva col rituale pagano della celebrazione del solstizio d'estate, periodo in cui la festa tuttora sussiste. Attualmente l'unico rituale per così dire "magico" è rappresentato dalla caduta del toro posto in cima al rogo, detto in piemontese "farò."

Si prepara una grande catasta di legna che bruciando avvolge una sagoma di legno del toro, simbolo di Torino, facendolo cadere. Se il toro cade verso la stazione di Porta Nuova, sarà un anno fortunato per la città

 

 

 

 

   

 

 

 In questa sezione, sei il visitatore numero