Ciro incontra il nonno - Senofonte

 

 

 

(A partire) da quel momento Astiage mandò a chiamare sua figlia ed il figlio di lei; desiderava infatti vederlo, perché sentiva (dire) che era pieno di ogni qualità1. Allora Mandane stessa si reca dal padre, portando (con sé) anche il figlio Ciro. Non appena Ciro arrivò e seppe che Astiage era il padre di (sua) madre, subito, siccome era un bambino affettuoso per natura, lo salutò come (lo) avrebbe salutato uno chea fosse cresciuto assieme (a lui) da tempo e che (gli) volesse bene da tempo, e vedendolo truccato con il bistro degli occhi e con il belletto della pelle e con capelli posticci, cose che sono in uso presso i Medi - tutte queste cose, infatti, sono proprie dei Medi, mentre tra i Persiani in patria tuttora le vesti sono molto più modeste e il tenore di vita (è molto) più sobrio2 - vedendo dunque l'acconciatura del nonno, guardandolo disse3: "O mamma, com'è bello mio nonno4!".

 






 

 

 

Soluzione dell'esercizio:

, insieme ad wsper e ad ei, introduce una comparativa ipotetica.

Più precisamente si tratta di un'ipotetica ellittica: infatti accompagna aspazoito e costituisce l'apòdosi di un periodo ipotetico del tezo tipo (possibilità) la cui protasi, pur essendo introdotta da ei, è implicita (sunteJrammenoV, coordinato con filwn).

Letteralmente: "lo salutò come saluterebbe se uno (fosse) cresciuto assieme e (fosse) amico da tempo".

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nota 1
bello e buono (è la formula, intraducibile, con cui i Greci indicano l'individuo fornito di ogni qualità fisica e morale);

Torna su



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 2
i tenori di vita (sono molto) più sobri;

Torna su



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 3
diceva;

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 4
come mi (è) bello il nonno.

Torna su