Nota A - latino

I fatti daranno ragione ad Alessandro: il medico risulterà del tutto innocente.

Torna al menu













Nota 1 - latino

Per ironia del destino Parmenione, l'accusatore del medico Filippo, sarà anch'egli sospettato di tradimento e per questo motivo mandato a morte da Alessandro. Il successivo accipit è un presente storico; ve ne sono altri nel corso del brano: traducili preferibilmente con il passato remoto.

Torna al menu













Nota 2 - latino

Ne committeret è una completiva negativa di senso volitivo (di qui l'uso di ne).

Torna al menu













Nota 3 - latino

Brevissima oratio obliqua: la principale è espressa con accusativo + infinito, come di regola: per i tempi fa riferimento a denuntiabat.

Torna al menu













Nota 4 - latino

L'espressione non va tradotta alla lettera: il termine pars indica qui la direzione in cui la paura e la speranza sospingono l'animo di Alessandro.

Torna al menu













Nota 5 - latino

Congiuntivo dubitativo, come i successivi damnem e patiar.

Torna al menu













Nota 6 - latino

Ut... videatur è una consecutiva. Poiché ut non è anticipato dai soliti ita, sic, adeo o simili, dovrai renderlo con "in modo tale che".

Torna al menu













Nota 7 - latino

La forma verbale datum fuerit non esiste: essa equivale dunque a datum erit o a datum sit. Quale scegliere? Senz'altro la seconda: infatti si... datum fuerit dipende da ut... videatur (la sua apodosi), che dipende a sua volta da bibere perseverem, per cui, per "attrazione modale", passa anch'essa al congiuntivo. Quanto al tipo di questo periodo ipotetico, è da escludere per ragioni morfologiche l'irrealtà; purtroppo, però, come sai, con apodosi dipendente al congiuntivo i tipi della realtà e della possibilità risultano identici: dovrai perciò basarti sul contesto per decidere. Qui prevale a nostro avviso l'idea della possibilità (Alessandro non è affatto sicuro che Filippo voglia propinargli del veleno).

Torna al menu













Nota 8 - latino

Di regola i pronomi raddoppiati (quicquid) e uscenti in -cumque vogliono l'indicativo: le relative indefinite sono però soggette alla cosiddetta attrazione modale, per cui in questo caso, in dipendenza da evenisse, acciderit sarà un congiuntivo perfetto e non un indicativo futuro anteriore. Nulla cambia però per la traduzione: si tratta infatti, in ogni caso, di un'azione anteriore rispetto ad una possibilità futura, per cui in italiano si può tradurre anche con il futuro. Il congiuntivo perfetto in luogo del piuccheperfetto che ci aspetteremmo dopo evenisse si giustifica con la regola di Reusch, secondo la quale una subordinata che abbia il congiuntivo per attrazione modale o perché obliquo, se è retta da un infinito perfetto o da un congiuntivo perfetto che dipendono a loro volta da un tempo principale, non segue le norme della consecutio (vedi scheda per ulteriori precisazioni).

Torna al menu













Nota 9 - latino

Nostro è pluralis maiestatis.

Torna al menu













Nota 10 - latino

Ablativo assoluto. Ve ne sono altri in questo brano: sai riconoscerli? Li troverai comunque elencati in dettaglio in fondo alla pagina. Nota la paronomàsia diversa versato.

Torna al menu













Nota 11 - latino

Interrogativa indiretta.

Torna al menu













Nota 12 - latino

Attenzione a non fare pasticci! Il soggetto di impresso è sigillo o pulvino?


Torna al menu













Nota 13 - latino

Quo = et eo (Philippo) oppure et ea re (irregolarmente neutro, come talora accade soprattutto nel latino postclassico). È un nesso relativo.

Torna al menu













Nota 14 - latino

Participio predicativo.

Torna al menu













Nota 15 - latino

Il participio non è sostantivato, ma congiunto a eius (= Philippi) sottinteso.

Torna al menu













Nota 16 - latino

Participio passato di reor: va tradotto con il gerundio semplice.

Torna al menu