Ma qui piove di tutto! da "Naturalis historia" di Plinio il Vecchio


╚ stata registrata ufficialmente una pioggia di latte e sangue, sotto il consolato di Manio Acilio e Gaio Porcio [114 a.C.], e in molti altri casi; inoltre una pioggia di carne sotto il consolato di Publio Volumnio e Servio Sulpicio [461 a.C.], e la carne, quella che gli uccelli non avevano razziato, non imputridiva. Una pioggia di ferro cadde in Lucania, un anno prima che Marco Crasso venisse ucciso dai Parti, e con lui tutti i soldati lucani, che erano in gran numero nel suo esercito: l'aspetto della pioggia ricordava spugne di ferro; gli aruspici predissero ferite dall'alto. Sotto il consolato di Lucio Paolo e Gaio Marcello [50 a.C.], piovve lana nella zona del forte di Conza, vicino al quale Tito Annio Milone fu ucciso un anno dopo. Mentre costui veniva processato, ci fu una pioggia di mattoni cotti, registrata negli atti ufficiali di quell'anno.

(Plinio il Vecchio, Naturalis historia 2. 57.)



Torna alle altre CuriositÓ.