Torna alla Home

Torna al testo latino

Torna all'elenco delle versioni

 

               

 

Severità di Augusto

 

Augusto ebbe tre nipoti maschi da Agrippa e da Giulia: Gaio, Lucio e Agrippa, e due nipoti femmine: Giulia e Agrippina. Diede in sposa (lett.: accasò) Giulia con Lucio Paolo, figlio del Censore, Agrippina a Germanico, nipote di sua sorella. Adottò Gaio e Lucio dopo averli comprati in casa con l’asse e la bilancia1 dal (loro) padre Agrippa, e, ancora giovinetti, (li) avviò al governo dello Stato e, come consoli designati (li) mandò in giro per le province e per gli eserciti. Educò la figlia e le nipoti in modo da farle abituare anche a filare la lana e da proibire loro di dire o di fare qualunque cosa se non in presenza di tutti e in modo che potesse essere riportata nel diario giornaliero; (le) tenne lontane (lett.: impedì) a tal punto dalla compagnia degli estranei, che una volta scrisse al nobile e distinto giovane Lucio Vinicio che si era comportato poco garbatamente, perché era venuto a salutare sua figlia a Baia.

 

1) Era la formula per le adozioni fatte in forma privata

 Copyright: traduzione di proprietà del sito www.studentimiei.it. Diritti riservati.