Torna alla Home

Traduzione di questo passo

Torna all'elenco delle versioni

 

 

 

Occhio al costrutto!

Il verbo peto, is, ivi, itum, ere regge a/ab + l'ablativo della persona cui si domanda qualcosa

 

 

 Cicerone denuncia un furto di libri dalla sua biblioteca $

 

Un servo addetto alla biblioteca, Ŕ fuggito con alcuni preziosi libri: Cicerone vuole averlo fra le mani!

 

A te1 peto in maiorem modum pro nostra amicitia et pro tuo perpetuo in me studio ut in hac re etiam elabores: Dionysius, servus meus, qui meam bibliothecen multorum nummorum tractavit, cum multos libros surripuisset nec se impune laturum putaret, aufugit. Is est in provincia tua. Eum et M. Bolanus, familiaris meus, et multi alii Naronae viderunt, sed cum se a me manu missum esse diceret crediderunt. Hunc tu si mihi restituendum curaris, non possum dicere quam mihi gratum futurum sit. Res ipsa parva, sed animi mei dolor magnus est. Ubi sit et quid fieri possit Bolanus te docebit. Ego si hominem per te reciperaro, summo me a te beneficio adfectum arbitrabor.

 

Cicerone, ad familiares 13. 77.

 1. Publio Sulpicio

 

Ripassa:

il cum narrativo 

le proposizioni oggettive

le particolaritÓ dei complementi di luogo                     

 

 

 

Suggerimenti sul metodo di affrontare la traduzione di questo brano in modo corretto